Il brand "Puglia" alla Bit 2015 veleggia con successo sul mercato estero grazie alle sinergie attuate insieme alle istituzioni pubbliche e gli operatori locali.

Torna alla lista

Puglia col vento in poppa per l'estate 2015


 

 
Anche quest'anno la nostra regione è stata presente dal 12 al 14 febbraio alla BIT, Borsa Internazionale del Turismo di Milano, con numerose iniziative e incontri organizzati dagli Assessorati al Turismo e alle Risorse Agroalimentari.
I principali prodotti come mare, sport, enogastronomia, arte e natura, sono stati presentati in una cornice di tutto riguardo, all'interno di un'area di 300 mq con attività di promozione rivolta agli operatori del settore ed al pubblico.
Dalla Daunia al "tacco" d'Italia infatti il brand "Puglia" veleggia con successo sul mercato estero grazie alle sinergie attuate insieme alle istituzioni pubbliche e gli operatori locali.
 
Il metodo di lavoro, profondamente innovativo e capace, ha premiato, soprattutto attraverso questi partenariati lo sforzo notevole messo in campo, permettendo così di penetrare in profondità il mercato turistico.
 
Anche quest' anno il Salento ha fatto la sua parte con il programma su “L’innovazione nella promozione delle Serre Salentine”, attraverso il Gal Serre Salentine, l'incontro su “Promozione, sviluppo e partners internazionali per le Marine di Melendugno del Salento”, organizzato dalla Pro loco di San Foca ed altri appuntamenti importanti su “Galatina, ombelico del Salento”, “Viaggio nel Salento dove l’Oriente incontra l’Occidente” e gli appuntamenti con le "capitali del weekend".
 
Se poi consideriamo l'attività di co-espositori, all'interno delle postazioni di lavoro personalizzate, in cui è stata presente la proposta di agriturismi, tour operator locali, organizzazioni di servizi, alberghi, dimore storiche, centri benessere e consorzi agroalimentari, possiamo a giusta ragione ritenere che in questa ultima edizione fieristica l'attenzione rivolta ad un target turistico ben definito che ama luoghi autentici, sia riuscita a coniugare la formula del "turismo rurale" con una offerta turistica integrata anche e soprattutto dal turismo balneare, insediato lungo la costa, capace così di coinvolgere tutte le potenzialità del territorio, e creando le importanti ricadute positive sull'intera area.

 
 
Tags: BIT 2015turismo ruraleturismo balneareesteropromozionemercato estero
 
 
Commenti all'articolo
 
  Lascia un commento all'articolo
Nome
Email
Commento